Kendo nelle Marche


Lascia un commento

90 vs 88

Takazaki sensei a sinistra con i suoi 90 anni se la vede con Arai sensei a destra che di anni ne ha solo 2 in meno…
 

Nella prefettura di affari del 18 ° torneo di Ibaraki kendo, e ottantiottesima (RO) Takasaki Yoshio Dr. salutato il Sotsuju è un modello dimostrativo è stato accolto Toshiyuki Arai insegnante (oggi combattenti).

 


Lascia un commento

Kyoto Taikai 2013 preview

credits – Kenshi247

credits – Kenshi247

Mentre prepariamo l’articolo con una bella serie di video, ecco a voi un antipasto.


Lascia un commento

Terachi Tanekoshi

Grazie al prezioso contributo del nostro amico Dado (vedi intervista al link https://kendonellemarche.wordpress.com/2013/03/04/ishiyama-sensei-intervista-a-leonardo-brivio/) possiamo raccontarvi qualche aneddoto riguardo Terachi Tanekoshi Sensei.
Takenoshi è il più grande di quattro fratelli maschi, tutti professionisti di Kendo. Più precisamente, tre di loro sono nella Polizia di Tokyo e uno nella Polizia Imperiale.
Sia Takenoshi che il secondo Kenjiro sono 8° dan kyoshi, mentre il terzo e il quarto sono 7 dan.  Kenjiro ha fatto da coach insieme a Eiga per la Nazionale Giapponese a Novara 2012.
Terachi Tanetoshi nasce nel 1960 a Kagoshima, nel Kyushyu. Entra nel mondo del kendo alle elementari, e già da studente liceale si fa notare per il suo Kendo.
Da universitario comincia a “scrivere” un lungo curriculum di vittorie, tra le quali è assoluto necessario segnalare almeno quanto segue:
  • 8 volte vincitore  Campionati Nazionali della Polizia a squadre
  • 2 volte vincitore Campionati Polizia Individuali
  • 3 presenze in Nazionale ai Campionati Mondiali di Seoul, Toronto, Parigi
Ed inoltre, ha partecipato 7 volte agli All Japan Championship arrivando per 2 volte ai quarti di finale.
Attualmente è allenatore responsabile della squadra della Polizia di Tokyo.
Ah, dimenticavamo di dirvi che anche sua moglie non scherza! Per en 6 volte ha vinto gli AJKC femminili ed ora è 7°dan.
Che famiglia!! 😀
Vi lasciamo qualche video interessante di circa 30 anni quando Terachi sensei era 5°dan e se la vedeva con altri futuri Hachidan.
In sequenza Yamanaka Yosuke, Saga Yutaka e Sakata Hideharu.


Lascia un commento

Tetsuhiro Sekiyama in Corea

Il Maestro Sekyiama, conosciuto anche in Europa per alcuni suoi seminari in Lussemburgo e Germania, è stato in Corea lo scorso anno per un seminario. In rete abbiamo trovato una serie di video riguardo questo seminario che riteniamo molto interessanti.


16 commenti

Shiai, quanto è importante per voi?!

E’ da molto che ci “tormenta” sapere l’opinione dei nostri lettori riguardo alcuni temi specifici temi. Per tale motivo, apriremo una sorta di rubrica attraverso la quale sonderemo la base di praticanti italiana che segue kendo nelle Marche mantenendo l’anonimato, così nessun maestro vi sgriderà per quel che pensate 😀

Ci siamo chiesti diverse volte come va interpretato il Kendo in gara.

Se infatti da un lato si perde pulizia nei movimenti, dall’altro emerge lo spirito che tanto i Maestri c’insegnano nel keiko quotidiano.

Ed allora?

Ognuno di noi, come semplice praticante segue un percorso di studio del Kendo attraverso stage, trofei ed ovviamente la pratica nel proprio dojo.

La domanda che ci e vi facciamo è…

Tra un mese renderemo pubblici i risultati…


4 commenti >

Chi pratica arti marziali conosce bene la parola Sensei ed il suo significato.
Con essa si indica il Maestro, cioè colui che insegna e verso il quale si porta rispetto.
Pochi sanno però che il termine Sensei si è diffuso sempre più – nel mondo anglosassone – al di fuori di dojo e arti marziali.
Nello specifico la parola sensei, in minuscolo, viene usata nel mondo della consulenza aziendale per indicare quei professionisti, esterni all’azienda, che sono chiamati ad indicare un percorso di rinnovamento o di innovazione.
Strategia e attività di coaching sono i campi in cui, sempre più frequentemente, viene chiamato ad intervenire il lean sensei per guidare le aziende verso la massima efficienza possibile.

Per chi fosse interessato, suggerisco il libro “Lean thinking” di James Womack.