Kendo nelle Marche


Lascia un commento

Kage Aite

Quante volte abbiamo sentito dai nostri insegnanti di distendere le braccia quando colpiamo uno dei bersagli validi? E quante volte la parola “distanza”?

Circa tre anni fa abbiamo trattato l’argomento “dummy“, sostanzialmente un attrezzatura usata come bersaglio per quando non abbiamo un compagno o vogliamo lavorare su uchikomi con un “manichino”.

Oggi invece illustreremo un attrezzo un po’ più complesso composto da un bersaglio”men” ed una parte da agganciarci addosso proprio per lavorare sui concetti di cui parlavamo inizialmente.

Avendo una distanza fissa tra noi ed il bersaglio evitiamo di commettere l’errore di avvicinarci od allontanarci troppo acquisendo quindi una certa familiarità con la “giusta distanza” per colpire.

Come potete notare nel video qui sotto il bersaglio si muove ovviamente con noi, sostanzialmente come quando eseguiamo Yoko-men nel kirikaeshi.

Con questo strumento non ci esercitiamo quindi principalmente sull’affondo avendo motodachi ad issoku itto no maai, ma possiamo lavorare su tutto il resto.

Rimaniamo assolutamente dell’idea che praticare assieme è sicuramente molto più proficuo e divertente…