Kendo nelle Marche


10 commenti

Kote o non kote?

credits – kenshi247

Rimane il fatto che urge un chiarimento. A cosa ci riferiamo? Ovviamente ai molti kote non assegnati alla Korea in finale quando Shodai, lasciando la mano destra dalla guardia Jodan veniva colpito a nostro avviso con tutti requisiti per yuko datotsu da Park.

Guardate il video qui di seguito dell’incontro n°3 tra tra Shodai e Park e vedrete che ripetutamente quest’ultimo colpisce il kote in questione ed almeno nel primo un arbitro alza la bandierina.

La premessa rimane sempre la stessa, non mettiamo in discussione le decisioni degli arbitri ma il nostro obiettivo è quello di capire, solo capire.

A Gennaio avevamo pubblicato un video dove questo tipo di colpo veniva assegnato all’unisono da tutti e 3 gli arbitri. Pochi giorni fa abbiamo trovato un altro video di tutt’altra caratura dove Chiba Sensei veniva colpitp al kote destro posizonato sotto il munè da Takahashi sensei in occasione del primo 8-dan Kendo taikai del 2003.

 

In rete abbiamo letto che “il kotè è buono fintanto che la mano è in aria anche mentre lascia la shinai, ma nel momento in cui si appoggia al do e preclude la linea di taglio della shinai che colpisce non è più buono.

Tutto chiaro?


Lascia un commento

Esame 6° dan in Jodan-no-kamae

E’ sempre interessante osservare video di esami, a prescindere dall’esito. In questo caso, sappiamo che il kendoka in jodan-no-kamae ha superato l’esame per rokudan tenutosi il 23 novembre scorso nel tempio del Kendo, il Nippon Budokan di Tokyo .


1 Commento

Ancora Fujiwara Sensei!

Solo pochi giorni fa parlavamo di Fujiwara Takao Sensei

Se avete gradito il video relativo al Jodan no kamae, questo qui di seguito farà al caso vostro.

Qui lo vediamo in azione mentre combatte con Kanaki Satoru Sensei applicando proprio le tecniche spiegate sopra 😉

Non dimenticatevi poi di gustarvi questo suo bellissimo jigeiko 🙂


Lascia un commento

Attenzione al kote…

Eh eh, vi chiederete. Chissà che novità! Guardate questo video.

Il Kendoka che combatte in Jodan, lascia per un attimo la mano destro dallo shinai e viene punito da un kote assegnato dagli arbitri senza alcuna incertezza.

Se guardate l’intero incontro noterete che ha tentato più volte di colpire il kote in quel frangente ed alla fine ha avuto la meglio 😉