Kendo nelle Marche


Lascia un commento

L’inno

Tra i kenshi di tutta l’Italia ci sono appassionati di calcio che devono ancora smaltire la cocente eliminazione dal mondiale in corso in Brasile.

Ricordiamo che l’Italia “sportiva” è anche questa. 😉


Lascia un commento

26° EKC – la finale a squadre femminile

  English version

Dopo il post sulla finale maschile a squadre, pubblichiamo oggi quella della vittoria delle nostre ragazze!

Sul canale di Eva Ricciuti, kenshi del dojo Okami Kendo Roma ed atleta della nazionale femminile, troviamo il video della finale a squadre agli ultimi EKC.

Ancora congratulazioni a tutte voi!! 😉


2 commenti

26° EKC – la finale a squadre maschile

  English version

Piano piano stanno uscendo in rete i video dei vari incontri e faremo il possibile per scovare tutti quelli dei nostri atleti azzurri.

Partiamo oggi con quello relativo alla finale a squadre maschile, la rivincita con la Francia che ci sconfisse nel 2010 proprio in finale.

 

credits – Camillo De Beni

 


1 Commento

“Ma il cielo è sempre più blu”

Cosi cantava Rino Gaetano nel 1975.

credits – CIK

Partiti con i ragazzi juniores conquistando un bellissimo fighting spirit con Alberto Sozzi, abbiamo sofferto e poi gioito immensamente per la vittoria a squadre femminile!

credits – CIK

Il sabato, giornata dedicata al torneo a squadre maschile, l’abbiamo passato incollati al canale streaming cercando tra i vari shiai jo i nostri ragazzi che con una tenacia da leoni hanno replicato alle donne conquistando il tetto d’Europa. Stradominio!!!

credits – CIK

Ieri era la volta degli individuali, sia maschili che femminili, ed anche li non siamo riusciti ad evitare medaglie, sia in un torneo che nell’altro. Infatti, Serena Ricciuti e Dario Baeli hanno messo piede nel podio con il bronzo.

credits – CIK

Non sappiamo se il Kendo italiano abbia mai raggiunto un livello agonistico cosi alto in passato, ma siamo assolutamente certi che questo gruppo è entrato nella storia.

Grazie infinite!!

PS: ci sono rumors per cui è stata avviata una class action per citare in giudizio la nazionale per danni cardiaci a centinaia di appassionati di Kendo.

PS1: si vocifera che i diplomatici italiani e francesi stiano trattando il rientro della Gioconda…

credits – CIK

 


6 commenti

Ops!

Eh sì, dagli EKC di Germania 2013 ci sono alcuni video che meritano d’essere visti.

Questo invece avremmo preferito farne volentieri a meno…

Minuto 4:04

Disponibile anche su facebook al seguente link

http://www.facebook.com/video/video.php?v=454602324620312

Si tratta di un comportamento che crediamo, sempre dal basso della nostra inesperienza, abbia a che fare molto molto poco con lo spirito che il Kendo dovrebbe forgiare.

Rispetto dell’avversario al di sopra di ogni cosa.

Notiamo inoltre con dispiacere che dopo la mossa di wrestling, il kendoka  ungherese non si spende per cercare di capire se ha arrecato un danno più o meno serio all’avversario. E’ caduto sulla schiena e le conseguenze potevano essere anche gravissime.

Ed allora, come si correggono queste deviazioni del Kendo agonistico? Non lo sappiamo. Forse con un po’ di rigidità nei giudizi? Forse con gesti silenziosi ma eclatanti da parte di chi subisce questi comportamenti? Non lo sappiamo davvero.

Andando a leggere il regolamento, possiamo dedurre che se il kendoka svizzero fosse rimasto a terra e l’avversario fosse stato ritenuto responsabile, avrebbe vinto la shiai.

http://www.kendo-cik.it/Italiano/Reg_pdf/Regole_Arbitraggio_2007.pdf

Pagina 10, articolo 30, punti 2 e 4.

Fortunatamente, in rete sono in tantissimi ad aver condannato questo tipo di condotta, e la cosa un pochino ci conforta…

Riflettiamoci tutti.