Kendo nelle Marche


Lascia un commento

Compilation

Non preoccupatevi, non si tratta di una raccolta di pezzi dance anni 80… 

Annunci


Lascia un commento

“Budo Night” a Milano

Promuovere il Kendo è molto complesso. E’ un tema centrale sul quale dibattiamo spesso con amici che conoscono e praticano questa disciplina come noi.

Al Kendo tra l’altro ci si arriva da diverse strade. La passione per il Giappone, per le arti marziali in genere, i samurai, e tanto altro.

E’ altresì vero che le dimostrazioni sono importanti, vanno ben preparate, ma è altrettanto rilevante cercare di ben contestualizzarle cercando di far cogliere lo spirito con cui si pratica la via della spada.

Oggi vi raccontiamo il progetto “Budo Night” curato da Federica Raverta assieme ad una serie di partner che hanno contribuito all’ottima riuscita dell’evento!

credits – Riccardo Bonetti

Buona lettura.

Ci sono incontri casuali che si rivelano poi centrali nella vita di una persona.

Così è stato per me più di 10 anni fa con il kendo, e meno di due mesi fa con Giulio Tosini e Gepi Digrandi, che gestiscono Areapergolesi, uno spazio multimediale nel centro di Milano. Durante il nostro primo incontro ha preso forma l’idea della Budo Night, nata dalla mia passione per la spada giapponese e dal loro desiderio di creare una nuova serata d’intrattenimento culturale per promuovere il loro spazio. Bisogna dire questo, di Giulio e Gepi: sarebbero due ottimi kenshi, perché hanno il coraggio, l’entusiasmo e quel briciolo di incoscienza che porta a osare e ad affidare la direzione creativa di un evento a una persona che si conosce appena.

L’obiettivo che ci siamo posti era, naturalmente, ambizioso come un ippon: volevamo dar vita a una serata che facesse conoscere kendo e iaido a un pubblico di non addetti ai lavori e che fosse anche un momento piacevole e conviviale; ma soprattutto io ci tenevo a mostrare il kendo e lo iaido in tutta la loro bellezza marziale, da un lato non riducendoli a spettacolo folkloristico, dall’altro senza tediare il pubblico con lunghe e complicate spiegazioni tecniche che, ascoltate la prima volta, risultano anche parecchio incomprensibili.

Abbiamo vinto la scommessa grazie a due fattori: il primo è che Areapergolesi, grazie ai suoi 12 proiettori, mi ha permesso di vestire le pareti della sala con filmati, fotografie e slide con spiegazioni tecniche che sono stati la cornice culturale dell’evento, suggerita a tutti ma non imposta. Il secondo è l’alto livello professionale di tutti i partner coinvolti nella serata: persone competenti, educate e rispettose del lavoro altrui, con cui è stato facile e piacevole lavorare, come in un jigeiko quando c’è intesa. Le luci teatrali di Vama Service, le musiche di Backstage, il catering squisito di Enoteca Raiteri e la gentilezza e la competenza di hostess e steward di Hit sono stati tutti elementi fondamentali per la riuscita dell’evento e per la felicità degli ospiti.

credits – Riccardo Bonetti

Da ultimo, abbiamo regalato ai partecipanti l’insegnamento più prezioso di chi pratica la spada giapponese: budo è impegnarsi per dare il meglio nella vita quotidiana, non solo in dojo, e per questo abbiamo creato un set fotografico e abbiamo trasformato tutti in perfetti kenshi.
Il risultato dei nostri sforzi, la bravura del fotografo Riccardo Bonetti e della troupe di Black Puppet, che ha filmato la serata, lo potete apprezzare nelle foto e nel video che completano questo articolo. Se ho citato tutti questi nomi, è perché credo fermamente che la professionalità e il talento vadano premiati e messi in evidenza: soprattutto quando ciascuno di noi ha lavorato senza compenso, ma non per questo con minor impegno, per raggiungere quell’idea di eccellenza che avevamo in testa.

credits – Riccardo Bonetti

A me non resta che ringraziare di cuore i dojo milanesi Shumpukan e Alser Kendo Club, che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa e sono stati l’anima di un nuovo tipo di evento culturale che ha saputo emozionare, divertire e interessare i nostri invitati.

Federica Raverta

Alser Kendo Club

alserkendoclub.wordpress.com

Atre bellissime foto disoponibili qui:

http://www.facebook.com/federica.raverta/media_set?set=a.10202242008586241.1071047564&type=3

*** *** ***

Abbiamo caricato nel canale youtube del nostro dojo, il video di chiusura dell’enbu dell’ultimo trofeo dell’Adriatico.

Il video è disponibile qui.


Lascia un commento

1984

E’ stato da poco pubblicato in rete un video prodotto da NHK datato 1984.

L’NHK non è assolutamente nuova al Kendo, anzi. I lettori più attenti di questo blog si ricorderanno sicuramente del documentario pubblicato qui, o della serie “Samurai Spirit” che tra le varie arti marziali giapponesi dedicò una bella puntata sul Kendo che trovate qui.

Ecco invece il documentario di oggi, a tratti davvero suggestivo.

*** *** ***

Complimenti agli amici che sono stati premiati agli ultimi Campionati Italiani di Verona!

I risultati definitivi ai seguenti link del sito CIK.

Individuali

http://www.kendo-cik.it/Italiano/cik_kendo/Kendo_2014/campionati2014_individuali.html 

Squadre

http://www.kendo.it/news/news1.cfm?NewsID=50877


Lascia un commento

Elastic Kendo

Ricordate il post in cui avevamo mostrato un esercizio nel quale veniva impiegato un elastico?

Ecco un video più esplicativo riguardo l’impiego di quest’oggetto per il Kendo!

*** *** ***

Complimenti a Chiara Bosetti e Christiani Filippi per la vittoria agli individuali dei Campionati Italiani in corso a Verona.

http://www.kendo-cik.it/Italiano/cik_kendo/Kendo_2014/campionati2014_individuali.html


Lascia un commento

Iai Sculpture Project

Torniamo a parlare di Iaido dopo molto tempo.

Lo facciamo presentando un progetto molto particolare, “Iai Sculpture Project“.

I movimenti armonici dello iaido, nello specifico Muso jikiden Eishinryu, hanno stimolato la creatività di Tomoyuki Ueno.

Attraverso dei dispositivi elettronici, una rielaborazione grafica ed una stampa in 3D, è stato possibile riprodurre i movimenti di alcune forme e realizzare una vera e propria installazione.

Guardate cos’è uscito…