Kendo nelle Marche

Adesso tocca a noi – resoconto 1

4 commenti

A tanto ammonta quello che l’iniziativa è riuscita a raccogliere fin’ora. Si tratta, per il momento, soltanto di donazioni di singole persone. Diversi dojo, il cui apporto sarà fondamentale, hanno aderito all’iniziativa  e stanno raccogliendo le donazioni dei propri iscritti.

Intanto  il mondo del kendo, dello iaido e del jodo si sta mobilitando a livello internazionale con iniziative come quelle che seguono:

British Kendo Association

Canadian Kendo Federation

Dublin Kendo Kobukai

Kendo, Iaido and Jodo Federation of Ukraine

San Mateo kendo dojo (USA)

Georgia Kendo Association

Cerchiamo di fare la nostra parte.

Annunci

4 thoughts on “Adesso tocca a noi – resoconto 1

  1. Delle parole di speranza. Riporto un blog di Ken Mogi un Ph. D. Giapponese e blogger di Tokyo.

    http://qualiajournal.blogspot.com/2011/03/importance-of-being-diverse.html

    Life must get back to normal:
    So one of the difficult but absolutely crucial tasks now is to go back to life’s diversity, rather than shying away from it. We need a healthy entertainment industry. The restaurant sector has to flourish. Books need to be sold and read, hotels rooms have to be filled with laughter. While investing a substantial amount of our time and energy on the rescue and relief efforts, we somehow need to keep life’s diversity. Apart from thinking about this earthquake and pondering the future of nuclear energy, we need to sing a song of the various joys of living.

  2. Dai nostri (tele)giornali non ci si rende conto della reale entità della situzione.
    Guardate queste foto:
    :http://us.cnn.com/interactive/2011/03/world/hires.japan.quake/index.html

    La situazione è ovviamente ben più grave di quanto ci fanno credere: http://www.ecplanet.com/node/2394
    e credo che la vita in Giappone non tornerà mai più come prima.
    Per quanto mi riguarda (purtroppo) non metterò mai piede in Giappone.

    • Sicuramente, soprattutto in alcune zone del Giappone, è dura, molto dura. E’ difficile dare giudizi accurati non vivendo la situazione in prima persona. Una foto riesce a cogliere, nel bene e nel male, il particolare (che è sicuramente sconcertante), ma il quadro della situazione generale da qui potrebbe sfuggirci.

    • Ciao Marco, possiamo riempire pagine di blog, profilo, forum di notizie più o meno fedeli alla realtà. Anch’io temo che quello che sappiamo sia diverso dalla realtà.
      Ho appena cancellato il mio viaggio di nozze in Giappone dopo averci lavorato per un anno intero, su ogni minimo dettaglio. E’ stao un brutto colpo, ma è andata molto peggio al Giappone.
      Se ho imparato a conoscere anche solo un millesimo dello spirito che i giapponesi hanno, posso dire che si rialzeranno molto più velocemente di quello che possiamo pensare. E’ ovvio che le condizioni ambientali sono quelle che più mi/ci preoccupano; con questa iniziativa faremo una piccolissima parte per ridare un sorriso a chi ad esempio non ha più un dojo dover praticare, perchè è dalle piccole cose che si torna alla normalità.
      A presto,
      Alessio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...