Kendo nelle Marche

La tattica nel kendo -Sotaro Honda-

3 commenti

Ho tradotto quasi integralmente la prima parte di un lungo articolo scritto da Sotaro Honda, allenatore della nazionale inglese di kendo, sullo studio degli aspetti tattici del kendo.

1. Tactics and Kendo

L’aspetto tattico, sia negli sport che nel budo ha la stessa importanza di altri elementi come la forma fisica, le capacità tecniche e la forza mentale. Tuttavia nell’ambiente del kendo giapponese questo aspetto è considerato in modo negativo. Questo è strettamente legato alla concezione che si ha del kendo come budo.  Su 15 insegnanti di  kendo di  scuole superiori intervistati, 13 hanno espresso un parere negativo riguardo l’insegnamento di elementi di tattica nel kendo. Il loro parere negativo è strettamente correlato al loro modo di concepire il kendo, l’allenamento e l’insegnamento tradizionale, la postura e il movimento. Più concretamente, il modo di concepire l’allenamento di alcuni insegnanti si basa sull’idea che il “kendo corretto” sia quello che ha come fine quello di formare il carattere del praticante. Per questo motivo l’aspetto tattico, che ha il solo scopo di vincere un incontro, non è compatibile con il vero Kendo. L’idea di molti insegnanti è che una buona postura e un buon controllo dalla shinai possano essere acquisiti come risultato dello Shugyo (allenamento di mente e corpo) tradizionale che contempla la ripetizione continua della pratica del Kihon. Gli stessi danno per scontato che un kendo corretto possa essere acquisito con la pratica di questo metodo di studio per lungo tempo. Il motivo per cui l’aspetto tattico non è affatto considerato è che esso non fa parte dello Shugyo tradizionale. Secondo questo tipo di concezione studiare e usare delle tattiche significa pensare esclusivamente a vincere gli incontri sacrificando postura e movimenti.

Gli Inglesi, in particolare quelli che praticano sport occidentali, possono ritenere questo modo di pensare un po’ strano.

….

Tutti noi mentre combattiamo un jigeiko uno shiai attuiamo delle tattiche, consciamente o inconsciamente, sia attaccando che difendendoci da un avversario. Gli insegnanti di kendo intervistati sono concordi nel ritenere che la pratica dei combattimenti nel kendo ha come finalità il capire di non affidarsi alle capacità fisiche per vincere, ma cercare di travolgere l’avversario con il proprio Ki e con i propri colpi. Questo è in realtà un livello elevato di azione tattica. Oltre questo livello c’è solamente l’attacco ad un avversario con lo stato mentale di “Mushin”. Questo rappresenta l’ultimo livello di combattimento nel kendo, l’ultima azione di tattica acquisibile solo con l’esperienza e con un elevato livello tecnico.

2. My experience at Fukuoka University of Education

Sebbene io avessi avuto l’opportunità di praticare molto shiai quando ero uno studente delle scuole superiori prima e dell’Università poi, non ho quasi mai avuto la possibilità di imparare esplicitamente dai miei insegnanti come vincere e combattere in situazioni particolari.

…..

Ho iniziato a interessarmi agli spetti tattici quando sono diventato allenatore del settore femminile del Fukuoka University of Education Kendo club. I miei studenti avevano l’obiettivo di vincere la All Japan University womens Taikai  e per questo si allenavano per 2 ore al giorno, per cinque giorni la settimana. 2 ore al giorno per 5 giorni a settimana non è molto per una squadra universitaria in Giappone. Dopo ogni allenamento, comunque, ci riunivamo sempre nel mio studio per guardare il video del loro Keiko e dei loro Shiai che avevo registrato e ne discutevamo. Nonostante fossi stato io a promuovere questa cosa, erano gli allievi che decidevano cosa guardare e cosa dover migliorare, per sé stessi e per la squadra. Dopo sette mesi iniziarono a capire cosa ogni membro del team avrebbe fatto in quella posizione, come hanno combattuto e come avrebbero potuto combattere in relazione alle situazioni.

Hanno raggiunto il loro obiettivo nel novembre 1995. Non hanno vinto usando espedienti tattici come scappare da un avversario più forte, scappare dopo aver fatto il primo ippon, usare attacchi a sorpresa o scorretti o utilizzare posture sbagliate. Loro hanno sempre riflettuto sul loro Keiko e Shiai dopo ogni allenamento, discutendo su cosa fare per migliorare, sulle scelte che avrebbero potuto fare contro diversi tipi di avversari in diverse situazioni. Tre anni dopo due di loro sono state selezionate come membri della squadra giapponese agli 11th World Kendo Championship e una di loro vinse il campionato individuale.

3. Re-consideration of tactics in Kendo

La tattica gioca un ruolo importante nel connettere Kihon-geiko con Ji-geiko e Shiai. Noi applichiamo le tecniche che apprendiamo in Kihon.geiko in Ji-geiko e in Shiai attraverso tattiche che ci indicano quale tecnica usare, quando, come e dove usarla. Considerando un Keiko di kendo normale in molti dojo normalmente l’allenamento inizia con il riscaldamento e Suburi, seguiti da Kirikaeshi e Kihon Waza-geiko per finire con Ji-geiko. L’allenamento tattico, il cui scopo è di capire quale tecnica utilizzare, quando, dove e come, viene lasciato allo sviluppo personale attraverso l’esperienza di ognuno. Certamente, in Ji-geiko e Shiai, in cui nessuno può predire in anticipo cosa accadrà, la scelta su cosa fare è lasciata al singolo individuo. Ma per fare una scelta appropriata, consciamente o inconsciamente in ogni situazione e applicare l’azione scelta è necessario imparare l’utilizzo della tattica nel Keiko. Ci sono alcune persone, in particolare i Kendo-ka più esperti, che non ritengono di aver bisogno di alcun insegnamento di tattica, ma pensano che combattere nello stato di “Mushin” sia il miglior approccio al Ji-geiko e allo Shiai. Nello stato mentale “Mushin” il corpo di ciascuno funzionerà al meglio in modo inconscio facendo automaticamente la migliore scelta di tecnica e movimento. Questo, tuttavia, sarà impossibile senza un allenamento sullo sviluppo della scelta delle tecniche e dei movimenti nelle varie situazioni in keiko. Scegliere ed eseguire Waza nello stato mentale “Mushin” è un atto di tattica inconscio che si sviluppa dallo studio consapevole degli aspetti tattici del kendo. Alcuni dicono: “Non mi serve la tattica. Io faccio il mio Kendo qualunque sia il mio avversario”. Non sono sicuro di cosa voglia dire “fare il mio kendo”, ma sicuramente non vuol dire fare un kendo in cui ogni attacco ha lo stesso timing o utilizza lo stesso Waza contro ogni avversario. Per poter esprimere il proprio miglior kendo contro ogni avversario serve alle volte mettersi di fronte al proprio avversario, cambiare la direzione del Seme, a volte in modo risoluto, a volte più delicatamente, cambiare timing e Waza a seconda dell’avversario. Per fare questo è necessario sviluppare la propria capacità di scelta per potersi avvalere di maggiori opportunità. Questo non significa imparare più Waza, ma significa imparare come usare i Waza già acquisiti. Sumi sensei mi ha detto: “Nella mia testa ci sono centinaia e migliaia di differenti tipi di seme, colpi, combinazioni e modi di affrontare gli attacchi dei miei avversari. Io posso usare queste risorse in accordo con le varie situazioni e avversari”. Per di più il Kendo di Sumi Sensei riesce a limitare la nostra possibilità di scelta. È estremamente difficile, se non impossibile, raggiungere il livello di Sumi Sensei, ma niente accade se noi non proviamo a sviluppare le opportunità nel nostro kendo.

fonte: British Kendo Association

la prossima volta si passa alla pratica..con la spiegazione di quali tattiche possono essere utilizzate dai kyusha 🙂

3 thoughts on “La tattica nel kendo -Sotaro Honda-

  1. No mente, questo è quello che viene richesto per avere un buon kendo. Assorbire il kendo solo per pratica con la massima sincerità possibile verso se stessi. Tutto se stessi e nulla più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...